Africa: riaperture al turismo

Africa: Riaperture al Turismo

News 09/12/2020  By  Erika Bagnato

Ottime notizie: molte nazioni africane stanno iniziando a riattivare gli aeroporti, rimuovere il coprifuoco e riprendere lentamente il turismo internazionale!

Alcune nazioni hanno già ripreso le loro attività, mentre altre stanno pianificando come riaprire responsabilmente

Ecco di seguito un elenco di tutti i paesi in Africa che hanno riaperto e che lo faranno a breve con eventuali requisiti di ingresso.


1. Etiopia

L'Etiopia ha ora riaperto l'aeroporto per gli arrivi internazionali. I passeggeri dovranno portare un test PCR negativo effettuato entro 5 giorni dall'arrivo. Sono inoltre tenuti ad autoisolarsi a casa per 14 giorni. I visitatori vengono nuovamente testati all'arrivo. 

I passeggeri che non portano il test PCR negativo avranno una quarantena obbligatoria negli hotel designati dal governo per 7 giorni a proprie spese. Al termine dei 7 giorni verrà eseguito un test PCR.

Africa: riaperture al turismo

2. Kenya

Il presidente Uhuru Kenyatta ha annunciato che il Kenya ha riaperto  al turismo internazionale il 1° agosto 2020. Non è prevista la quarantena ed i requisiti di ingresso richiedono il portare un test PCR negativo, ma i dettagli di quanto tempo il viaggiatore deve sostenere il test prima dell'arrivo non sono ancora stati rilasciati. I viaggiatori che fanno ingresso in Kenya sono tenuti a compilare previamente il modulo online di monitoraggio sanitario da presentare ai controlli di sicurezza. Resta in vigore il coprifuoco notturno dalle 22.00 alle 4.00 del mattino.

Vuoi saperne di più? Leggi anche "Kenya: riapertura delle frontiere al turismo dall'1 Agosto"

Africa: riaperture al turismo

3. Madagascar

Il Presidente della Repubblica del Madagascar ha annunciato l’apertura della stagione turistica nel paese a partire dal 1° ottobre 2020 per la sola area dell’isola di Nosy be. Le misure che accompagnano la scelta e i protocolli attuati sono diversi: la realizzazione di test PCR per tutte le persone che arrivano a Nosy be, l’obbligo di avere un biglietto di ritorno, l’obbligo di restare unicamente e senza uscire da Nosy be, tranne per le escursioni delle isole vicine, ma nessun tour sulla terra ferma del continente. Il Madagascar si sta preparando ad accoglierci nuovamente!

Vuoi saperne di più? Leggi anche "Madagascar: riapertura di Nosy Be"

4. Namibia

Dal 1° Settembre la Namibia ha riaperto ai turisti internazionali l'aeroporto Internazionale di Hosea. Dopo l'annuncio del ministro dell'Ambiente, delle foreste e del turismo Pohamba Shifeta che la Namibia accoglie i viaggiatori internazionali senza quarantena, Venerdì 11 settembre 2020 un aereo della Ethiopian Airlines è atterrato all'aeroporto Hosea Kutako di Windhoek. 

All'arrivo i viaggiatori devono presentare un certificato Covid-19 negativo non più vecchio di 72 ore dall'imbarco sull'aereo. Se il test PCR di un viaggiatore è più vecchio di 72 ore viene richiesta una quarantena supervisionata di sette giorni a spese del viaggiatore. I casi positivi sono trattati presso le strutture di isolamento del Ministero della Salute e dei Servizi Sociali a proprie spese, in conformità con le linee guida nazionali di gestione dei casi. 

Vuoi saperne di più? Leggi anche "La Namibia accoglie i viaggiatori internazionali senza quarantena" e "Namibia: riapre l'aeroporto internazionale per il turismo il 3 agosto"

Africa: riaperture al turismo

5. Senegal

Il Senegal ha ora riaperto al turismo ed i voli internazionali il 15 luglio, anche se le frontiere terrestri e marittime sono ancora chiuse.

Tutti gli arrivi in ​​Senegal richiederanno:

  • Un modulo di dichiarazione sullo stato di salute
  • Un test PCR negativo effettuato non più di 7 giorni prima della partenza
  • Sottoporsi a screening medico e scansioni della temperatura all'arrivo

6. Togo

L'aeroporto del Togo ha riaperto il 1° agosto, ma i voli commerciali in arrivo o in partenza sono comunque molto limitati. I confini terrestri al momento sono ancora chiusi e tutti i viaggiatori devono compilare il modulo di immigrazione online prima di arrivare e avere un test PCR negativo non più vecchio di 72 ore.

Africa: riaperture al turismo

7. Seychelles

Dal 1° agosto le Seychelles hanno riaperto ai turisti provenienti da nazioni a rischio "basso" e "medio", con requisiti di ingresso diversi per ogni categoria. Per garantire la sicurezza dei visitatori che viaggiano alle Seychelles, è stata emessa una nuova serie di linee guida dall'autorità di sanità pubblica delle Seychelles e dalle parti interessate del turismo. Le linee guida, che sono state meticolosamente discusse da tutte le diverse parti nel settore del turismo delle Seychelles, comprendono varie informazioni relative al viaggio alle Seychelles e ai requisiti affinché ciò avvenga secondo la nuova normalità:

  • I visitatori dei paesi a BASSO RISCHIO possono portare un test PCR negativo non più vecchio di 72 ore dalla data del viaggio con opzione di test rapido. I visitatori dei paesi a MEDIO RISCHIO possono portare solo un test PCR negativo non più vecchio di 72 ore dalla data di viaggio, senza alcuna opzione di test rapido.

Vuoi saperne di più? Leggi anche "Seychelles: riapertura al turismo dall'1 Agosto"

Africa: riaperture al turismo

8. Tanzania

A partire da giugno 2020, la Tanzania accetta i turisti in base alle normali e regolari regole di confine "pre-covid". Al momento non è in vigore alcun periodo di quarantena obbligatorio, tuttavia vengono effettuati i controlli della temperatura, è obbligatorio l'uso delle mascherine e l'allontanamento sociale. Sono ammessi tutti i paesi ed è essenziale per tutti i viaggiatori in arrivo di presentare un test PCR negativo valido entro 72 ore prima del viaggio e di ottenere un visto prima della partenza, con lo scopo di evitare numerose folle all'arrivo e facilitare procedure di ingresso più veloci. Per poterlo ottenere è semplicissimo: basta visitare l'unico ufficio autorizzato ovvero la pagina del consolato della Tanzania dove si potranno trovare tutte le informazioni necessarie di ottenimento tramite un canale esclusivo reso disponibile dal governo della Tanzania solo per i turisti italiani.

Vuoi saperne di più? Leggi anche "Tanzania: Riapertura delle frontiere ai viaggiatori Italiani" e "Tanzania e Zanzibar aperti al turismo senza quarantena!"

Africa: riaperture al turismo

9. Sudafrica

A partire dal 1° Ottobre il Sudafrica riapre le sue frontiere al turismo. Solo i tre aeroporti internazionali, ovvero OR Tambo, King Shaka e Cape Town saranno aperti ai viaggiatori internazionali.

All'arrivo tutti i viaggiatori devono fornire un test PCR negativo ottenuto non più di 72 ore prima della data del viaggio. Tutti i viaggiatori saranno sottoposti a screening all'arrivo e quelli che mostrano sintomi dovranno sottoporsi ad un test covid. Coloro che non dispongono di un certificato dovranno affrontare un periodo di quarantena obbligatorio a proprie spese. All'arrivo tutti i visitatori dovranno scaricare l'applicazione mobile Covid Alert South Africa.

Vuoi saperne di più? Leggi anche "Sudafrica: riapertura delle frontiere al turismo il 1° Ottobre"

Africa: riaperture al turismo

10. Zambia

I confini dello Zambia sono stati riaperti, con la ripresa dei voli nazionali e internazionali. Tutte le nazioni sono ammesse e i turisti devono portare un test PCR negativo effettuato entro 14 giorni dalla partenza e non devono essere messi in quarantena all'arrivo. Anche le Victoria Falls sono state riaperte e la decisione arriva dal Governo dello Zambia che, dopo più di due mesi di stop, ha deciso di riaprire le visite alle Cascate!

Vuoi saperne di più? Leggi anche "Lo Zambia ha riaperto le Victoria Falls!"

11. Zimbabwe

Il settore turistico locale dello Zimbabwe è stato aperto il 3 Settembre 2020, i voli nazionali il 21 Settembre 2020 e gli aeroporti internazionali il 1° Ottobre 2020. Le frontiere terrestri invece il 1° Dicembre 2020

All'arrivo, tutti i viaggiatori devono fornire un test PCR negativo ottenuto non più di 48 ore prima della data del viaggio in Zimbabwe. Tutti i viaggiatori saranno controllati all'arrivo e può esser richiesto di sottoporsi ad un ulteriore test con risultati disponibili dopo 2 ore al costo di 60 USD. La quarantena è obbligatoria ed i viaggiatori in arrivo che non dispongono di un test PCR negativo o chiunque risulti positivo al test deve rimanere in una struttura di isolamento designata per 7 giorni e poi autoisolarsi per altri 7 giorni. 

Africa: riaperture al turismo

12. Botswana

Il Botswana ha ripreso una graduale riapertura delle frontiere internazionali dal 9 novembre 2020. Gli spostamenti aerei hanno ripreso negli aeroporti internazionali di Gaborone, Maun e Kasane e sono aperti a tutte le nazionalità! 

Tutti i viaggiatori in arrivo dovranno quindi presentare un certificato (PCR) COVID-19 negativo ottenuto 72 ore prima, valido dal momento della partenza. Oltre ai test richiesti, i viaggiatori in arrivo saranno sottoposti a screening per i sintomi all'arrivo e dovranno auto-controllarsi e rimanere in contatto con le autorità sanitarie per 14 giorni.

Vuoi saperne di più? Leggi anche "Il Botswana accoglie nuovamente i turisti e le possibilità di safari sono infinite"!

Africa: riaperture al turismo

In conclusione

Noi di World Explorer stiamo monitorando la situazione costantemente grazie ai numerosi uffici locali con cui collaboriamo e vi terremo aggiornati per eventuali novità. 

Fonte: Travel Off Path

Non vedi l'ora di ripartire per vivere emozionanti avventure in Africa? Scopri tutti i viaggi di African Explorer, il tour operator italiano specializzato in viaggi in Africa dal 1972!




Bagnato

Vuoi saperne di più su questo tema? Non esitare a contattarci!